28 Aprile Corso di riconoscimento a Ivrea

Pronte in pentola: un po’ acqua, il fornelletto ad alcool e dopo 5 minuti ecco pronto il pranzo per la tappa di oggi del mio trekking. Ma invece della scatoletta di tonno o della busta liofilizzata questa volta mangerò un pasto vero, arricchito da gustose verdure appena raccolte. Niente male quando è da giorni che non si compra in un negozio e tutto il necessario deve viaggiare nello zaino. Ma attenzione! Esistono anche piante velenose e botanici non ci si improvvisa. Se volete avvicinarvi al mondo delle piante spontanee commestibili ecco per voi un corso organizzato a Chiaverano (vicino a Ivrea). Mi ha invitato in qualità di esperto l’associazione Discovery Way e non potevo che accettare con piacere! Ecco la locandina con tutte le indicazioni.

P.S. Se ancora vi stavate chiedendo cosa c’era nella pentola, è buonissima ma se non siete esperti non la conoscete: si chiama Heracleum sphondylium ed è buonissima!

Precedente Primavera: la stagione delle erbe commestibili Successivo 1° Maggio EXPA' 2019. Escursione e degustazione di erbe spontanee al Rifugio Prato Gaudino